Come Aggiungere Più Piastrelle al Menù Start di Windows 10

di Claudia Falzone

A metà strada tra il semplice ed efficace menù di Windows 7 e quello tutto a quadrettoni – ma allo stesso tempo poco intuitivo – di Windows 8, la nuova versione del sistema operativo di casa Microsoft mette d’accordo tutti quanti. Windows 10, infatti, presenta un menù d’avvio schematizzato per semplificarci ulteriormente la vita. Oltre alla messa a punto definitiva di Cortana, efficientissimo assistente virtuale di Windows 10 e il browser Microsoft Edge, uno degli aspetti più indovinati del sistema operativo è proprio il menù. Basta aprirlo per avere sotto i nostri occhi tutte le nostre attività abitudinarie. Sulla sinistra abbiamo i programmi più utilizzati, le impostazioni generali e l’accensione/spegnimento; sulla destra, invece, i riquadri di accesso rapido a Cortana, Edge, meteo e altri servizi utili. Ma se avessimo bisogno di aggiungere più piastrelle al nostro menù Start?

Istruzioni per aggiungere piastrelle su Windows 10

Aggiungere piastrelle al menu start

Ebbene, da oggi possiamo aggiungere più piastrelle al menù Start di Windows 10 sul nostro PC. E in un modo più semplice di quanto pensiamo. Questa nuova opzione è stata resa disponibile dall’aggiornamento 1511 (noto anche come Fall Update) di Windows 10. Innanzitutto, per installarlo avrete bisogno di almeno 20 GB di spazio libero su disco: una volta aver verificato di avere lo spazio sufficiente, continuate la procedura (se l’aggiornamento non viene visualizzato automaticamente, potrebbe essere d’aiuto cercarlo manualmente).

A questo punto, dopo aver fatto finalmente l’accesso sul nostro desktop, andate in Impostazioni > Personalizzazione > Start e cercate l’opzione “Mostra più piastrelle“. Quando l’avete trovata, azionate la levetta da sinistra a destra per attivarla (per disattivare questa nuova funzionalità basterà riposizionare la levetta a sinistra).

Andando a cliccare sul menù Start vedrete un menù con 4 piastrelle per fila, anziché 3 di default. Più semplice a farsi che a dirsi, vero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *