Disegni di Pasqua per Bambini da Stampare e Colorare

di Samuele

Disegni di Pasqua per bambini da colorareE’ di questi giorni la notizia attesa da tutti i golosi: mangiare regolarmente della cioccolata fa dimagrire. Probabilmente o è una bufala o la ricerca in oggetto non è stata condotta con tutti i crismi della scienza. Ma se avete bisogno di una scusa per abbuffarvi in questi giorni pasquali l’avete appena trovata. Idem se siete alla ricerca di alcuni disegni di Pasqua per bambini da stampare e da colorare. Giusto per passare pasquetta in allegria, o per prepararsi degnamente nei giorni precedenti, vi passo un link da cui scaricare dei disegni.

Disegni di Pasqua per Bambini

Link | Pagina con i disegni di Pasqua

Immagine d'esempio di uno dei disegni di Pasqua

Non sto qui a ripetervi per l’ennesima volta i vantaggi e gli svantaggi (ma ce ne sono?) dell’utilizzare i disegni a scuola, a casa o nelle attività ricreative per bambini. Penso che messi uno dietro l’altro i miei articoli (scritti su questo tema, of course) siano una lettura considerevole. O per lo meno lunga. Se vado errato ho già approfondito le principali ragioni di questa serie di articoli. Ve le riassumo, in estrema sintesi:

  1. Disegnare è… usare le mani
  2. Disegnare è… creare
  3. Disegnare è… studiare
  4. Disegnare è… approfondire
  5. Disegnare è… divertente

Ok, la forma è molto da slogan. Ma il senso penso sia chiaro. Disegnare permette di migliorare la manualità. Colorare dentro i bordi migliora la precisione, e la coordinazione occhio-mano. Utilizzare la matita per tracciare contorni e figure rende necessario affinare il tratto, e rendere più decisi i movimenti. Cancellare e ridisegnare fanno comprendere gli errori e come si possono correggere.

Ovviamente il secondo punto è quasi ovvio: disegnare aumenta la creatività. Già di per sé il disegno è un’atto creativo, non può esistere senza un pizzico di fantasia. Rende necessario un’atteggiamento critico nei confronti della realtà, sia per mettere in evidenzia gli aspetti migliori sia per quelli meno belli. Il disegno permette, come la scrittura, di creare un mondo di fantasia, tutto nostro ma condivisibile con gli altri.

Il terzo e il quarto punto vanno a braccetto. Possiamo utilizzare i disegni per studiare, approfondendo particolari altrimenti trascurati. Se siamo insegnati possiamo utilizzare i disegni per far capire un’epoca storica, per trasmettere visivamente dei concetti. Non solo, ricreare su carta una scena, anche quella meno complessa, richiede attenzione. E si può fare un disegno credibile solamente se si approfondiscono i particolari.

Dite che tutto questo è troppo difficile per un bambino. Un po’ sì, un po’ no. Dipende molto da noi, dai così detti adulti. Ai bambini piace disegnare, è una cosa divertente (è il quinto punto). E piace anche ai “grandi”. I processi cognitivi sono gli stessi, anche se spesso tendiamo a dimenticarlo. Sono conscio della difficoltà ma posso assicurarvi che l’utilizzo dei disegni rende molto facile affrontare alcune questioni.

La Pasqua è appunto uno di quei momenti in cui potete utilizzare i disegni. Se siete credenti cristiani è un buon modo per trasmettere l’importanza del giorno più importante dell’anno per la fede cattolica. Altrimenti si tratta comunque di un giorno importante, per tradizione e per consuetudine. E a proposito di consuetudini nel sito che vi ho linkato troverete anche alcuni disegni di Pasqua di tradizioni diverse da quella italiana. Quale modo migliore per spiegare ai nostri bimbi quanto può essere diverso, grande e meraviglioso il mondo?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *