Giochi Didattici di Geografia per Bambini e Ragazzi

di Samuele

Giochi didattici di geografiaQuasi quasi mollo tutto e vado a fare il maestro elementare anch’io. No, non sono improvvisamente impazzito, semplicemente sto scoprendo sempre più come sia possibile integrare la passione per l’informatica con il nobile scopo dell’insegnamento, condendo il tutto con l’esperienza quotidiana di chi sta a contatto con bambini e giovani quotidianamente.

Chi segue le mie peregrinazioni nella rete da un po’ probabilmente avrà già capito dove voglio andare a parare: ai progetti QualiSOFT e JClic, progetti ho già parlato sia quando ho recensito 100 software didattici di matematica per bambini che quando ho parlato di alcuni giochi d’italiano, sempre per bambini. Oggi parlerò di come insegnare ai bambini la geografia attraverso dei giochi didattici creati apposta.

Rendere divertente la geografia con dei giochi didattici

Link | Vai al sito

Insegnare la Geografia ai Bambini con dei giochi didattici

Per avere le idee più chiare su cosa siano i progetti JClic e QualiSOFT vi consiglio di leggere gli articoli che ho linkato all’inizio, quelli sui software didattici per matematica e per italiano. Comunque, per i più pigri, o per quelli con meno tempo a disposizione, riassumo qual’è il senso del discorso: insegnare a bambini e ragazzi le materie scolastiche sfruttando le potenzialità dell’informatica. Per fare questo esistono due piattaforme di programmazione, JClic e QualiSOT appunto, che garantiscono una compatibilità piena tra i vari programmi educativi. I software didattici sono scritti, e programmati, per lo più da maestri, insegnanti e professori: sono programmi che vengono utilizzati quotidianamente per l’insegnamento da chi li crea, e che vengono condivisi gratuitamente per tutti quelli che ne hanno necessità.

Per quanto riguarda le geografia, e in misura minore anche la storia, ci vuole effettivamente un po’ di fantasia, e molta esperienza nell’insegnamento, per riuscire a creare dei giochi che riescano a divertire e nel contempo ad insegnare la geografia. E che siano gratis. Già, perché in realtà il miglior modo per insegnare la geografia sono alcuni giochi commerciali: i simulatori di volo, innanzitutto, e SimCity. No, non sto scherzando: sono ottimi programmi che uniscono la necessità di conoscere il territorio e le modifiche che l’intervento umano provoca sull’ambiente al massimo del divertimento. Ma sono giochi da un lato costosi, dall’altro troppo complessi per poter essere utilizzati nell’insegnamento di alcuni concetti o nozioni particolari ai bambini e ai ragazzi.

Sono stati quindi sviluppati tutta una serie di giochi che, seguendo la falsa riga dei programmi commerciali, permettono all’insegnante di concentrare l’attenzione del bambino su alcuni aspetti più specifici: vuoi, ad esempio, la conformazione geografica di un territorio, o il variare del rapporto uomo-natura in base alle diverse dimensioni delle città e dei paesi.

Perché ho detto all’inizio che creare un buon software didattico di geografia è particolarmente difficile? Perché obbliga il programmatore, e quindi il maestro, l’insegnante e il professore, a tenere a mente molti più aspetti. E, spesso, questi software impongo all’alunno e allo studente di prestare attenzione a vari altre materie, a partire dalla matematica passando per la storia e finire anche nelle scienze naturalistiche. Sì, senza dubbio non è semplice creare un gioco nel contempo utile e divertente: ma difficile non vuol dire impossibile, e questo sito dimostra sta qui a dimostrarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *