2011 09/12

Le Migliori 5 Applicazioni di Musica per Android

Le migliori applicazioni di musica per AndroidVolendo non c’è bisogno di acquistare un lettore MP3 se già possediamo uno smartphone Android. Perché? Perché il sistema operativo made in Google è già dotato di un player MP3. E se quello di default non ci dovesse piacere possiamo sempre curiosare nell’Android Market finché non troviamo qualcosa di adatto a noi. C’è un rischio, però. Quale? Di perdersi in mezzo a migliaia di applicazioni, e di non sapere cosa scegliere. Oppure, meglio ancora, di incappare in diversi tipi di applicazioni in grado di gestire la musica, e di fare tutta una miriade di operazioni. Oltre che a farci ascoltare i nostri musicisti preferiti, ovviamente. In questo articolo provo a mettere un po’ di ordine, e a capire quali sono le migliori 5 applicazioni di musica per Android.

1. TinyShark

Interfaccia grafica di TinyShark

TinyShark Grooveshark è un’applicazione interessante. Come molti dei programmi più recenti da il meglio di sé se connessa ad Internet; e in questo caso non avrebbe nessun senso utilizzarla senza avere una connessione attiva. Anzi, consiglierei di utilizzare una buona connessione, se vi è possibile. E’ vero che se non prestiamo attenzione le tariffe del traffico dati possono facilmente svuotare il portafogli ma è anche una verità il diffondersi di tariffe flat per i cellulari. Ovviamente non voglio fare nessuna pubblicità, e per di più gratis, a qualche operatore telefonico. Mi limito a dire che io utilizzo una tariffa della Wind e che mi trovo bene. Sopratutto perché non ho nessun genere di tariffazione a scatto, e questo mi permette di consultare internet senza problemi ogni volta che mi serve. E di ascoltare la mia musica altrettanto facilmente.

E già, mica me l’ero dimenticata la musica. Tutto questo discorso mi serviva per arrivare a questo: con TinyShark possiamo ascoltare la nostra musica in ogni posto, in ogni dove e con ogni tipo di dispositivo. Dirò di più: possiamo utilizzare questa applicazione per Android per scoprire canzoni nuove, ascoltare e condividere playlist, esplorare suoni e musiche diverse. Sopratutto questo: imparare cose nuove, mettere da parte i propri pregiudizi (e io, purtroppo, in fatto di musica ne ho veramente molti) e approfittare della grande rete per stupirci ogni giorno con un’artista diverso.

2. AudioGalaxy

Interfaccia grafica di AudioGalaxy

Audiogalaxy è simile, ma non identico, a TinyShark. Tanto per cominciare permette lo streaming dei file contenuti sul nostro PC: vuol dire ascoltare esattamente le nostre canzoni attraverso internet. Non male come possibilità, sopratutto se abbiamo delle registrazioni introvabili sulla rete. Ma non è l’unica cosa positiva di questa applicazione, ovviamente. Tranquilli, non ho intenzione di ripetere le cose che ho già detto sopra, come non mi sembra il caso di parlare della possibilità di condividere la propria musica in rete con amici, colleghi o anche con appassionati che non conosciamo ancora.

C’è una cosa che mi è piaciuta, in particolar modo: la capacità di AudioGalaxy di recuperare canzoni simili a quelle che piacciono a me. E’ una cosa che ha del magico, anche se si basa semplicemente su degli algoritmi e sull’analisi delle traccie che ascolto. Forse seguire i suggerimenti di un’applicazione limita un po’ la possibilità di esplorare e il piacere della scoperta. Insomma, un po’ menoma le cose di cui parlavo sopra. D’altro canto ci permette di andare sul sicuro quando vogliamo semplicemente farci cullare dalle melodie che piacciono a noi. O quando finisce la musica durante una festa.

3. TuneIn

Interfaccia grafica di TuneIn

Ovvero la radio all’epoca dei computer. Quando iniziò a diffondersi la televisione molti predissero la fine della radio. E invece la vecchia signora è ancora qui, viva e vitale, a tenerci compagnia mentre guidiamo e in mille altri momenti della nostra giornata. E’ vero, alcune cose sono cambiate ma la sostanza è sempre la stessa. E ascoltare la nostra stazione preferita è un buon modo per cominciare la giornate. E poi, non mi dite che a voi non piace lo Zoo di Radio105?

Giuro che mi piacerebbe approfondire l’argomento, ma temo che molti di quelli che mi stanno leggendo non siano interessati alla storia della radio. Poco male, vi consiglio direttamente l’applicazione musicale per Android numero 3: TuneIn. E’ un programma che permette di ascoltare le radio in streaming. E non solo le radio italiane ma anche quelle di tutto il mondo. Basta avere una connessione internet (siamo al discorso di prima, ricordate?) e potremo accedere a tutta la musica del pianeta. E anche alle notizie, ai reportage, ai programmi di ogni angolo del pianeta. E per chi vive lontano da casa è un modo per restare in contatto con le proprie radici, e di mantenere un flusso costante di notizie e informazioni.

4. SoundHound

Interfaccia grafica di SoundHound

Sto per entrare in un terreno minato: meglio Shazam oSoundHound? Bé, se qui vi consiglio quest’ultimo penso sia abbastanza chiara la mia preferenza, no? Ma a cosa servono queste due applicazioni? A riconoscere la musica che stiamo ascoltando.

Lo sapete bene, è inutile che stia qui a spiegarvelo: capita spesso di sentire della musica che ci piace ma di cui non conosciamo niente, né l’artista che la canta né il titolo della canzone stessa. Attraverso queste due applicazioni è possibile riconoscere la  musica, e conoscere un po’ di cose su di essa. Tipo? Oltre al titolo e al gruppo, o cantante, che la esegue possiamo vedere la copertina dell’album che la contiene, una lista di video di YouTube, il testo, una biografia dell’artista, un elenco dei musicisti simili e le date dei prossimi tour. Non tutte le canzoni ci forniscono tutte queste informazioni, ma spesso sì. E, lo ammetto, sono informazioni veramente utili, e interessanti.

Una piccola postilla su SoundHound: a differenza di altri programmi simili questa applicazione ci fa accedere a tutti questi dati senza dover aprire il browser e senza manovre complesse. Mi piace, molto: è veloce, funzionale e preciso (quasi sempre).

5. GigBeat

Interfaccia grafica di GigBeat

Siamo all’ultima di queste 5 applicazioni per ascoltare, e maneggiare, la musica con uno smartphone Android. GigBeat non funziona benissimo in Italia ed ero quasi tentato di non parlarne per niente. Ma, chi lo sa, magari a voi piace viaggiare e vi ritroverete in USA durante le vacanze di Natale. Bene, con questa applicazione verrete avvisati immediatamente dei concerti dei vostri artisti preferiti. E anche degli eventi speciali che ogni tanto organizzano. Utile per non perdere alcune occasioni veramente rare.

Loading...

2 Commenti

Lascia un commento

Copyright 2009-2017 CreaGratis.com


I contenuti di questo blog, dove non diversamente specificato, sono distribuiti sotto Licenza Creative Commons.

Creagratis non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.

Privacy policy | Blogmap | Contatti
P.IVA 02618720649