Programmi per Modificare, Ridimensionare e Rinominare Gruppi di Foto

di Samuele

Modificare, ridimensionare e rinominare gruppi di fotoDa quando i prezzi delle macchine fotografiche digitali sono calati abbiamo – tutti – cominciato a scattare a raffica. Alcuni, di certo, non si sono accontentati delle compatte e sono passati a fotocamere migliori e più costose. Ma la maggior parte, come i miei amici, si accontenta della qualità già buona delle foto scattate con dispositivi di fascia media o bassa. Ma non è delle diverse concezioni della fotografia quello di cui voglio parlare bensì di un problema comune: come possiamo modificare, ridimensionare, rinominare molte foto contemporaneamente e in poco tempo? E con molte foto intendo da qualche decina a qualche centinaio di immagini, come capita dopo una gita, una vacanza o una festa. Perché farlo a mano è questione lunga e noiosa ma, per nostra fortuna, possiamo usare uno di questi programmi per automatizzare e semplificare il tutto.

1. XnConvert

Interfaccia del programma XnConvert

Prima delle recensioni occorre una premessa: molti dei programmi per modificare, in vari modi, grandi gruppi di file o di foto permettono poche azioni, o una solamente. Con una semplice ricerca si possono trovare molte applicazioni di questo genere su internet ma non meritano, non tutte, attenzione. Più interessanti sono, a mio parere, quei programmi che permettono di automatizzare più operazioni contemporaneamente, o azioni di diverso genere. XnConvert è uno di queste.

Ok, vale la pena di citare questo software anche perché è stato sviluppato per diversi sistemi operativi e non solo per Windows. Ma al di là di questo quello che apprezzo particolarmente è la potenza dei comandi disponibili e la facilità con cui è possibile utilizzarli. Perché? Perché basta trascinare le immagini su cui vogliamo lavorare all’interno della finestra del programma, aggiungere le azioni che ci interessano e poi aspettare.

Cosa possiamo fare? Bé, giusto per elencare alcune tra le possibilità ci sono metodi per rendere automatico il ridimensionamento delle foto, l’aggiunta di un watermark, l’applicazione di alcuni filtri, l’aggiustamento dei colori e una rotazione delle immagini. In aggiunta possiamo modificare i nomi di tutti i file seguendo dei criteri da noi stessi definiti. E, seppur dentro certi limiti, si può cambiare anche il formato e l’estensione dei singoli file.

2. PhotoMagician

Interfaccia del programma PhotoMagician

PhotoMagician è meno potente rispetto XnConvert. Non molto, le funzioni principali ci sono tutte ma manca qualche rifinitura quando applichiamo i diversi filtri. Nonostante questo ci sono due caratteristiche da tenere presenti e da citare assolutamente: la traduzione in 17 lingue diverse e la presenza di alcuni profili.

In che senso “profili”? Bé, sono delle impostazioni predefinite comode da usare quando vogliamo convertire la nostra raccolta di fotografie in un formato adatto al nostro iPhone, alla versione più piccola degli iPod, a una console Sony PSP, e così via. In aggiunta a questo possiamo modificare facilmente la scheda “impostazioni di conversione” per aggiungere effetti standard quali il “filtro seppia” o l’effetto specchio.

3. IrfanView

Interfaccia del programma IrfanView

IrfanView è uno dei migliori software per visualizzare immagini. Non a caso è uno dei programmi più usati, oggi come un decennio fa. Ma non sempre è semplice da utilizzare, anzi a volte alcune funzioni sono inspiegabilmente nascoste. Ad esempio per restare in tema con l’articolo di oggi se vogliamo automatizzare alcune operazioni dobbiamo andate nel menù File, poi su Batch Conversion e quindi su Rename. Così facendo possiamo accedere a un editor su cui possiamo smanettare. Nella finestra possiamo inserire, trascinandole, le varie immagini che intendiamo modificare. Possiamo poi selezionare quali modificare, quali rinominare anche filtrandole in base ad alcune caratteristiche. Le funzioni “avanzate” di questa finestra permettono di automatizzare altri controlli, per esempio quelli che regolano i colori o le tonalità. Nonostante non sia semplicissimo da utilizzare IrfanView è comunque uno strumento estremamente potente e versatile.

4. FastStone Photo Resizer

Interfaccia del programma FastStone Photo Resizer

Lasciate perdere il nome, Faststone Photo Resizer fa più che ridimensionare le immagini. Abbiamo a disposizione due schede di lavoro, Batch Convert e Batch Rename. Che fanno? Bé, il nome è abbastanza indicativo, direi. Con la prima possiamo convertire le immagini da un formato all’altro, e modificare alcune loro caratteristiche come l’orientamento, i colori, aggiungere scritte o filigrane. Interessante la possibilità di salvare le opzioni in un file in modo da poterle recuperare in un secondo momento e riutilizzare più e più volte in base alle proprie necessità.

La scheda Batch Rename permette, infine, di rinominare le varie fotografie, a blocchi e seguendo i criteri che noi stessi stabiliremo.

5. Picasa

Interfaccia del programma Picasa

In questa rassegna non poteva mancare Picasa, forse uno tra i migliori software per organizzare e visualizzare le proprie fotografie. E caricarle online, certamente, magari sul proprio profilo di Google Plus. Oltre a questo possiamo però utilizzare Picasa per modificare le singole immagini applicando filtri ed effetti speciali. Oppure scegliere gruppi di foto ed editarli tutti assieme, in contemporanea. Possiamo perciò ridimensionare, ruotare, rinominare, modificare il formato ed esportare il risultato.

In realtà le funzioni di Picasa disponibili sono molte di più ma descriverle ora porterebbe via molto tempo. Di certo non è un programma confrontabile con GIMP o PhotoShop ma per eseguire operazioni di fotoritocco velocemente e con discreti risultati va più che bene.

6. SunlitGreen BatchBlitz

Interfaccia del programma SunlitGreen BatchBlitz

C’ho pensato un po’ prima di inserire questo programma in questa lista. Perché? Per alcuni suoi problemi. Non tanto per come si può utilizzare ma quanto in fase di installazione. In pratica quando installiamo SunlitGreen BatchBlit dobbiamo prestare molta attenzione alle richieste fatte dall’applicazione o rischieremo di scaricare programmi a cui non siamo minimamente interessati. Tipo? Un traduttore online, o un programma per pulire il registro di Windows. Cose magari anche utili, per carità, ma che stanno al fotoritocco come i cavoli a merenda. Quindi, se avete fretta aspettate di avere un attimo di calma e leggete bene prima di acconsentire a qualsiasi cosa. Solo così potrete evitare i vari trucchetti e poter avere a vostra disposizione l’editor vero e proprio.

Editor che è veramente fatto bene: possiamo caricare diverse immagini, modificarle in varie modi, ridimensionarle e rinominarle, convertirle e mille altre piccole cose (regolazione automatica del contrasto, rotazione, saturazione dei colori, e così via). Possiamo selezionare una serie di azioni in un ordine preciso, salvare questo ordine e richiamarlo in qualsiasi momento. Non è di certo il migliore tra i programmi di questa lista ma non sfigura nemmeno troppo. Se non fosse per l’installazione difficoltosa sarebbe anche da consigliare a tutti non solo a chi mastica qualcosa di informatica.

1 commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *