Schemi Sudoku per Bambini da Stampare

di Samuele

Schemi Sudoku per bambini da stampareSì, lo so: parlo spesso di bambini e didattica. Onestamente non so nemmeno io perché, forse la causa la devo ricercare nella mia infanzia. O, senza scomodare la psicoanalisi (sono io l’unico ad avere così poca fiducia in questa disciplina?) forse la ragione è più semplice: sono convinto, fermamente, che l’insegnamento deve essere strettamente collegato con le necessità. Noi possiamo imparare solamente se siamo spinti da una ragione materiale, oggettiva; a qualcuno suonerà come un’eresia ma l’amore del sapere per il sapere, la conoscenza fine a sé stessa, non può essere sprone sufficiente. Né per un bambino né per un adulto. Per questo parlo spesso di labirinti per bambini, di disegni da colorare, di giochi didattici. E di Sudoku, come quelli che trovate in questo articolo.

Sudoku per bambini

Link | Schemi Sudoku da stampare

Esempio di uno schema Sudoku da stampare

Oggi non ho molto tempo per tirarla per le lunghe. La storia decennale del Sudoku ve la risparmio. Anche perché non è nulla di magico, o di particolarmente interessante (lo so, sto mentendo: se proprio volessi fare il preciso potrei partire dai quadrati magici fino ad arrivare alla moderna informatica. Ma ve lo risparmio, per oggi. Un domani, chissà). Mi limito a ricordare come la versione moderna di questo “quadrato latino” risalga al 1979, anche se solamente attorno al 2005 divenne un gioco famoso a livello mondiale.

C’è una ragione per cui sono affezionato a questo gioco. Oddio, in realtà le motivazioni sono due. Quella personale, di cui non vi interesserà assolutamente nulla, è legata ad un periodo particolare della mia vita: quando ho lasciato il mio paesetto, sperduto nella campagna (e, posso dirlo?, nell’idiotismo rurale) per trasferirmi a Milano. Che c’entra con il Sudoku? Bé, fu nello stesso periodo in cui il Sudoku cominciò a diffondersi in Italia. E per i primi mesi gli schemi di questo gioco mi accompagnarono nei miei spostamenti in metropolitana.

Ma a voi forse interesserà di più la seconda ragione. Per la sua stessa natura questo gioco si presta molto bene ad alcune varianti. Tralascio quelle più bizzarre e mi limito a suggerirvi quelle del sito che ho linkato sopra. Potete trovare Sudoku in più dimensioni, da quello più semplice composto solamente da una manciata di numeri a quello che supera la decina. Vuol dire, scusate se ribadisco l’ovvio, poter utilizzare un sudoku diverso in base all’età del bambino, e alle sue abilità. Se fossi un pedagogista parlerei di “didattica personalizzata”, ma non lo sono. Mi piace però l’idea di poter utilizzare i sudoku per giocare, per far giocare, con i numeri.

In realtà c’è un’ulteriore vantaggio nel Sudoku, ben più grande di quello evidente, di quello sbandierato da tutti. Penso sia palese come il gioco utilizzi i numeri, e come possa servire a familiarizzare con queste “strane bestie”. Ma, personalmente, ritengo il Sudoku utilissimo anche per imparare un metodo di ragionamento. Esistono alcune tecniche per risolvere i Sudoku, e le più veloci richiedono una buona capacità logica. Insegnare ai bambini come utilizzare le proprie capacità non è mai semplice, sopratutto in ambito scolastico. Per questo non disdegnerei la possibilità di utilizzare degli schemi di Sudoku per bambini (alla fine basta solamente stampare la pagina web per averli su carta) per far passare un metodo di ragionamento. Che poi, alla fine, la capacità di utilizzare la propria testa sarà l’arma principale su cui i cuccioli d’uomo potranno fare affidamento un domani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *