Le Migliori 4 App Registratori Vocali per Android

di Samuele

Può capitare di dover registrare una lezione all’università, o una conferenza interessante, o anche semplicemente una nota vocale per ricordarsi qualche cosa d’importante. Una volta per farlo serviva un registratore portatile, tipo quelli usati dai giornalisti. Oggi, invece, è sufficiente uno smartphone. Con in aggiunta l’indubbio vantaggio di avere sempre con noi il telefono. Le uniche questioni da tenere presenti sono la durata della batteria, che tende a consumarsi rapidamente se registriamo con lo schermo acceso, e – ovvio – l’app registratore vocale utilizzata. Non tutte le applicazioni riescono a registrare bene la voce, e non tutte gestiscono bene la dimensione dei file. Però alcune sì, alcune sono sia semplici da usare sia in grado di creare registrazioni di buona qualità. Di seguito abbiamo selezionato le migliori 4 app da usare come registratori audio su Android.

Smart Voice Recorder

Schermate dell'app Smart Voice Recorder per Android

Cominciamo con Smart Voice Recorder, un’app registratore vocale di stampo tradizionale: si preme il pulsante – rosso – e si comincia a registrare. Esattamente come si faceva una volta con i registratori con cassette a nastro, e come si fa adesso con quelli digitali. Ma in aggiunta permette di stabilire la qualità della registrazione: in questo modo si può risparmiare anche molto spazio e mantenere comunque una registrazione audio di qualità decente. Inoltre è possibile calibrare il microfono del telefono per adattare la registrazione a diverse situazioni: ambienti rumorosi, spazi aperti, luoghi silenziosi e così via. Infine, cosa molto comoda, è possibile nascondere le registrazioni vocali al lettore musicale del telefono: in questo modo non corriamo il rischio di avviare la riproduzione delle lezioni mentre stiamo ascoltando musica. E viceversa.

Easy Voice Recorder

Molto simile alla precedente, questa applicazione aggiunge un paio di funzioni. Una utile, la seconda costosa e tutto sommato non importante. Partiamo dalla prima: oltre a decidere la qualità della registrazione è possibile impostare il formato in cui salvare il file. In questo modo è possibile sia risparmiare spazio con i formati AMR e ACC, sia usare la qualità migliore dei file PCM. Da notare che in quest’ultimo caso è possibile anche mettere in pausa la registrazione per poterla riprendere in un secondo momento.

La seconda opzione permette di spedire il file audio registrato a Quicktate, un servizio di trascrizione automatica delle registrazioni vocali. Il problema è che il servizio fa pagare 1 centesimo a parola, quindi è abbastanza facile spendere decine o centinaia di euro.

Cogi

Cogi affronta la registrazione audio da un punto di vista diverso. Invece di registrare in maniera continuata il suono, registra solo quando c’è una voce che parla. In alternativa è possibile mettere in pausa e riavviare la registrazione manualmente. E’ un approccio comodo per alcune situazioni (riunioni di lavoro lunghe di cui interessa solo alcune parti, registrazioni di conferenze o discorsi) ma in altre è alquanto disturbante (anche solo registrare un memo vocale richiede più tempo rispetto alle altre applicazioni).

Oltre a questo c’è un secondo aspetto interessante: durante la registrazione è possibile scattare delle foto e scrivere delle note di testo. Quando riascoltiamo la registrazione le note e le foto verranno collegate e mostrate al momento in cui sono state scattate. Sembra una sciocchezza ma è una cosa molto utile quando si registra una conferenza con slide, o una lezione: si può scattare una foto al palco o alla lavagna e rivedere la stessa immagine al momento giusta quando si riascolta e si studia.

Skyro Voice Recorder

Skyro permette di fare lo stesso ma con una grafica migliore, e anche di aggiungere tag e posizione geografica. La grafica segue i dettami del material design di Google ma non è solo una questione estetica: registrare appunti vocali, conferenze, lezioni e memo con Skyro è davvero semplice, e permette di avere sotto controllo ogni aspetto della registrazione. Inoltre salva automaticamente la registrazione ogni minuto, evitando il rischio di perdere il tutto se finisce la batteria o se per qualche motivo il telefono si dovesse spegnere o bloccare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *