Come Creare il Miglior Logo per il tuo Business

di Vittorio

Un logo per un’attività è il suo biglietto da visita: e come dice il vecchio adagio, non c’è mai una seconda possibilità per fare una buona prima impressione. Quindi, è necessario che il logo del vostro business sia bello e accattivante. E per fortuna, non è mai stato facile come oggi, dato che puoi creare il tuo logo professionalmente grazie agli strumenti innovativi di Wix, che permettono a chiunque di ottenere un risultato eccellente anche senza essere grafici di professione.

Il logo e l’identità visiva

Il logo e l'identità visiva

Il logo nasce come segno visivo molto anticamente, quando le persone non sapevano leggere! Infatti, per contrassegnare le diverse attività nelle città, i negozianti esponevano delle insegne che riportavano elementi identificativi: ad esempio, un sarto mostrava del tessuto e delle forbici. Da allora, con la diffusione del commercio su larga scala, diventò importante far distinguere ai consumatori il proprio prodotto da quello dei concorrenti: e così, l’utilizzo del logo quale marchio crebbe diventando quello che rappresenta ora.

Oggi, ci sono dei loghi che sono riconosciuti da tutti, e che ormai aggiungono valore agli oggetti che li portano: pensiamo alla mela di Apple o al “baffo” di Nike, che sono entrati nella nostra cultura. Ma anche se non siete Apple o Nike, anche voi potete farvi distinguere dalla vostra concorrenza con un logo ben fatto.

Cosa serve per creare un logo

Cosa serve per creare un logo

Creare un logo richiederebbe una certa esperienza in teoria visuale e in teoria dei colori, ma soprattutto, un buon logo non è un disegno, ma un modo di comunicare con i vostri possibili clienti, quindi dovrebbe essere fatto in modo da “piacere” non a voi, ma possibilmente, a loro.

Quindi, se volete creare un logo da soli, senza rivolgersi ad un grafico professionista, dovete procedere seguendo queste tre fasi:

  • Ricercare e confrontare
  • Disegnare
  • Raffinare

Ricercare

Questa fase implica il mettervi in relazione con ciò che vi piace esteticamente, o meglio, che vi comunica qualcosa. Quindi mettetevi al computer e iniziate a fare una ricerca di loghi che vi piacciono, possibilmente di aziende che offrono servizi simili a quelli che offrite voi.

Una volta che li avete trovati, scaricateli sul vostro computer e metteteli vicini l’uno all’altro, magari insieme ad altri oggetti e immagini che vi rappresentano: avete appena creato la vostra prima mood board. Cercate di selezionare quello che vi sembra davvero importante: forme, oggetti, fotografie, colori, stili. Se sarete riusciti a farlo bene, avrete un’idea abbastanza precisa dello stile che il vostro logo dovrà avere.

Disegnare

A questo punto, dovremo fare una scelta importante, e stabilire come realizzare il marchio. Se vogliamo procedere da soli, ovvero senza affidarci a un grafico professionista, abbiamo davanti a noi due scelte: la prima è quella di utilizzare un software di progettazione grafica “libero;” l’altra implica utilizzare i diversi sistemi “assistiti” online.

Se siamo degli abili “smanettoni”, un software di progettazione professionale potrebbe fare al caso nostro, ma se non lo siamo, le soluzioni online dedicate come Wix potrebbero essere la soluzione giusta. Quasi tutti questi servizi hanno delle vere e proprie guide passo-passo, che ci seguono interattivamente per creare il nostro logo facendoci delle domande ed elaborando una soluzione grafica in base alle nostre risposte.

Una volta ottenuto il risultato finale, possiamo modificarlo a nostro piacimento, cambiando i colori, le forme, il lettering (ovvero quali caratteri utilizzare), e ogni altro elemento fino a quando non siamo pienamente soddisfatti. A questo punto, dopo aver salvato il risultato nel nostro account, è necessario realizzare diverse alternative dello stesso logo in modo da esplorare altre soluzioni grafiche: continuiamo finché non abbiamo ottenuto dai 3 ai 5 loghi diversi.

Raffinare

Ora siamo pronti per l’ultima fase: quella della “validazione” del nostro logo. E per farlo, dobbiamo rivolgerci alle persone che conosciamo, e che sono felici di aiutarci. Stampiamo i diversi progetti e invitiamoli a esprimersi su quello che vedono, se gli piace o no, ma soprattutto, mettendosi nei panni del possibile cliente che vedrà quel logo, spiegando loro per bene il progetto di business che c’è dietro.

A questo punto, dovrete stare ad ascoltare – con orecchie ben aperte – quello che vi stanno dicendo, soprattutto perché dovete tenere conto che voi siete direttamente coinvolti nel progetto, e loro no: quindi sono sicuramente più obiettivi. Siamo certi che i loro suggerimenti si riveleranno preziosi per raffinare il design del vostro logo. E magari, per aiutarvi a prendere la decisione di riprogettarlo seguendo le loro indicazioni.

Il risultato finale: un logo indimenticabile

A questo punto, vi siete sicuramente resi conto che progettare un logo è molto più complesso che non scarabocchiare qualche linea su un foglio o sullo schermo di un computer – ma che il risultato finale dipenderà dall’impegno e dalla preparazione che ci mettete dentro: quindi è inutile correre. Ottenere un buon logo richiede tempo e pazienza.

Se farete un bel lavoro di preparazione, è molto probabile che il logo finale che otterrete dopo tutte queste fasi sarà davvero quello che vi serve davvero, e anche tutto il vostro “pubblico” lo apprezzerà e vi ricorderà per le vostre caratteristiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.