2012 27/01

10 Video Tutorial con Trucchi per Modificare Foto con Gimp

10 video tutorial con trucchi per modificare foto con GimpChi lavora con fotografie e disegni spesso non disdegna l’acquisto di software specialistici anche costosi. Il più famoso tra tutti è Photoshop, con tutte le sue varie declinazioni. Ma allo stesso tempo i così detti “esperti” del fotoritocco non disdegnano l’utilizzo di alternative gratuite. In questo caso la più famosa, quella che più si avvicina a PhotoShop qualitativamente è GIMP. Anzi, se impariamo ad utilizzarlo bene GIMP può praticamente fare tutto quello che permette di fare il suo blasonato avversario. Non ci credete? Bé, provate a dare un occhio a questi video tutorial accessibili liberamente su YouTube. E poi fatemi sapere se vale o meno la pena di investire un po’ di tempo su questo software.

1. Correggere il colore

A scanso di equivoci è bene ricordare come GIMP possieda tutti gli strumenti adatti alla manipolazione delle immagini. Sono praticamente gli stessi di PhotoShop, a volte con un nome diverso. O un’icona disegnata con uno stile grafico differente. Ma i vari pannelli, o barre degli strumenti, contengono tutti i comandi adatti per migliorare la resa cromatica, le varie curve dei colori, i contrasti, la brillantezza e così via. Si può fare ogni operazione manualmente regolando uno a uno tutte le caratteristiche. Oppure si può scegliere l’opzione “Auto” e penserà a tutto GIMP. Per chi è alle prime armi è una cosa ottima ma io consiglieri ai più esperti di giocare un po’ e di sperimentare: con un po’ d’esperienza potremo ottenere cose veramente interessanti.

2. Rimuovere gli occhi rossi

PhotoShop è diventato famosissimo tra il grande pubblico quando la fotografia digitale ha cominciato a diffondersi. E tutte le foto che venivano scattate “uscivano” con gli occhi rossi. Vi ricordate? Ora le macchine fotografiche stesse risolvono il problema ma all’epoca uno dei modi più diffusi era di photoshoppare l’immagine per ridare un colore naturale agli occhi. Cosa che anche GIMP fa benissimo, basta seguire le istruzioni del video.

3. Sbiancare i denti

Restiamo sul piano estetico, quello tanto vituperato in questi tempi convulsi. Non vi sto consigliando di mutare completamente il vostro aspetto per apparire come divi. Ma, perché no, qualche miglioria qua e là ve la potete concedere anche voi. Come, ad esempio, un trattamento di sbiancatura digitale dei vostri denti. La tecnica per ottenerla è quasi banale: seguite il video qui sopra.

4. Rimuovere le macchie

Volendo siamo sempre nel mondo dell’estetismo digitale: volete togliere lentiggini, macchie della pelle e cose così? Oppure possiamo utilizzare gli strumenti di GIMP per pulire effettivamente delle macchie presenti nelle nostre fotografia. Il trucco, in questo caso, consiste nel miscelare più strumenti e di utilizzarli ognuno al momento adatto nel modo corretto.

5. Migliorare la luminosità di un particolare

Andiamo ora sul classico: voglio aumentare la luminosità della foto, non di tutta ma solamente di un particolare. Che può essere un riflesso, un occhio o qualsiasi cosa in grado di calamitare la nostra attenzione. E di dare un senso all’immagine. Non dico un senso poetico, quello è difficile, ma per lo meno non farla apparire banale e comune. Come sempre per scoprire come fare c’è un video qui sopra.

6. Creare un’immagine riflessa

Creare un’immagine riflessa è particolarmente facile: un copia-incolla, una rotazione e il gioco è fatto. Più difficile, ma nemmeno troppo, è ottenere un’effetto specchio fatto bene. Nel senso di non far capire che si tratta semplicemente di una magia del digitale ma lasciare il dubbio che quel castello si rifletta effettivamente nel lago. Per riuscirci dobbiamo utilizzare alcuni strumenti base di GIMP. E affidarci al nostro gusto estetico e alla nostra conoscenza della realtà.

7. Cambiare lo sfondo all’immagine

Spesso questa operazione è stata utilizzata, nella storia, per censurare personaggi famosi, togliere persone da avvenimenti storici e così via. Oggi, per fortuna, la possibilità di tagliare una sagoma e inserirla in un contesto del tutto diverso ha un utilizzo più satirico che censorio. Anzi, a dirla proprio tutta, capita sovente che un tentativo di influenzare la stampa o l’opinione pubblica tramite azioni coercitive o infamie si trasformi in un boomerang mediatico grazie a questo trucco. Come è capitato recentemente in Russia, se ben vi ricordate.

8. Correggere le immagini distorte

C’è uno strumento dal nome strano, Warp. A cosa servirà? A correggere la distorsione nelle immagini. Personalmente non ho quasi mai utilizzato questo strumento anche perché non ne ho mai avuto la necessità. Ma, giusto per capirci, se giocate con riflessi o prospettive strane potrebbe rendersi necessario correggere le proporzioni. O, al contrario, si può utilizzare questo strumento per creare immagini grottesche, od oniriche.

9. Sostituire un colore particolare

Fino ad ora abbiamo visto strumenti di Photoshop utilizzabili facilmente anche con Gimp. Ma non sempre va così liscia. Una delle cose che mancano nella distribuzione standard di Gimp è la possibilità di sostituire un colore con un altro. Per fortuna esistono dei plug-in in grado di aggiungere questa funzione, e il problema si può risolvere facilmente.

Se, invece, ci piace smanettare con gli strumenti a nostra disposizione possiamo ottenere lo stesso risultato per via artificiale. Il procedimento non è linearissimo ma dopo aver capito il ragionamento che sta alla base di tutto ciò dovrebbe essere facile replicare le azioni noi stessi.

10. Instagram

Che in Gimp non si chiama Instagram ma Filtri. Ce ne sono alcuni, nemmeno pochissimi, già integrati nel programma ma è possibile aumentare gli effetti scaricando alcuni plug-in. Trovarli è semplice, basta utilizzare Google e cercare un po’. Possiamo trovare un po’ di tutto, dagli effetti più semplici a quelli più complessi. I miei preferiti sono due, diametralmente opposti. Il primo permette di trasformare una foto in un cartone animato, o in un fumetto. Il secondo aumenta i contrasti e dà alla foto un’effetto “National Geographic“. In che senso? Bé, guardatevi qualche foto della celebre rivista e noterete che hanno tutte uno stile inconfondibile: questo filtro permette di replicarlo nelle nostre foto. Ovviamente, cercando, possiamo trovare filtri ed effetti speciali di tutti i tipi. Con una piccola chicca: è possibile utilizzare anche quelli creati per PhotoShop, quasi sempre senza problemi.

Un Commento

Lascia un commento

Copyright 2009-2017 CreaGratis.com


I contenuti di questo blog, dove non diversamente specificato, sono distribuiti sotto Licenza Creative Commons.

Creagratis non è collegato ai siti recensiti e non è responsabile per i loro contenuti.

Privacy policy | Blogmap | Contatti
P.IVA 02618720649